ONCOLOGIA MOLECOLARE E CELLULARE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
42
Prerequisiti: 

Non sono richiesti prerequisiti

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il corso si prefigge di approfondire i principi guida dell’oncologia molecolare tramite la riletture critica dei percorsi sperimentali che hanno portato all’identificazione dei geni coinvolti nel processo di tumorigenesi (oncogeni ed oncosoppressori), nonche’ alla comprensione dei principi che regolano la progressione tumorale. Il corso si basera’ sulla lettura critica di pubblicazioni scientifiche nel campo dell’oncologia molecolare, con particolare attenzione all’analisi dei differenti approcci sperimentali, ed alla comprensione di come l’osservazione sperimentale abbia portato alla formulazione dei modelli di progressione tumorale. Enfasi verra’ posta sull’analisi di modelli murini, su approcci di reverse genetics e sui piu’ recenti sviluppi nel campo dell’oncologia. Il corso avra’ carattere monografico, le pubblicazioni discusse constituiranno il testo di riferimento.Lo scopo del corso sara’ quello di fornire gli strumenti necessari alla comprensione ed alla valutazione critica di articoli scientifici inerenti al campo dell’oncologia molecolare." Ruolo di senescenza, apoptosi e della risposta al danno al DNA (DDR) nella soppressione tumorale e nella risposta a 1) Il modello Eµ-Myc e l’analisi genetica dei meccanismi di soppressione tumorale

Contenuti

Il corso si prefigge di approfondire i principi guida dell’oncologia molecolare tramite la riletture critica dei percorsi sperimentali che hanno portato all’identificazione dei geni coinvolti nel processo di tumorigenesi (oncogeni ed oncosoppressori), nonche’ alla comprensione dei principi che regolano la progressione tumorale. Il corso si basera’ sulla lettura critica di pubblicazioni scientifiche nel campo dell’oncologia molecolare, con particolare attenzione all’analisi dei differenti approcci sperimentali, ed alla comprensione di come l’osservazione sperimentale abbia portato alla formulazione dei modelli di progressione tumorale. Enfasi verra’ posta sull’analisi di modelli murini, su approcci di reverse genetics e sui piu’ recenti sviluppi nel campo dell’oncologia. Il corso avra’ carattere monografico, le pubblicazioni discusse constituiranno il testo di riferimento.Lo scopo del corso sara’ quello di fornire gli strumenti necessari alla comprensione ed alla valutazione critica di articoli scientifici inerenti al campo dell’oncologia molecolare." Ruolo di senescenza, apoptosi e della risposta al danno al DNA (DDR) nella soppressione tumorale e nella risposta a 1) Il modello Eµ-Myc e l’analisi genetica dei meccanismi di soppressione tumorale

Programma esteso

1) Senescenza come barriera alla tumorigenesi (Braig et al., 2005; Chen et al., 2005; Michaloglou et al., 2005)
C. Ruolo della senescenza e dell’apoptosi in risposta a terapia (Schmitt et al., 2002; Schmitt and Lowe, 2001)
D. Senescenza come meccanismo di soppressione tumorale in seguito a riattivazione di soppressori tumorali (Ventura et al., 2007; Xue et al., 2007)
E. DDR and Tumor suppression (1-lezione) (Bartkova et al., 2005, Bartkova, 2006 #27, Di Micco, 2006 #26, Gorgoulis, 2005 #22, Gorrini, 2007 #25, Collado, 2005 #31)

2. Instabilita’ genetica e cancro (4-lezioni)

-mutazioni in geni coinvolti nel riparo del DNA o nella risposta al danno al DNA predispongono a sviluppo di tumori: gli esempi della mutazione di ATM (Elson et al., 1996) (Barlow et al., 1999; Barlow et al., 1996)
e delle mutazioni del Mismatch repair pathway nel cancro al colon
-ruolo dei telomeri nella soppressione tumorale (Chin et al., 1999; Maser and DePinho, 2002)
-modelli murini di instabilita’ genetica sono suscettibili a sviluppare tumori. (Bassing et al., 2002, Bassing, 2003 #38, Celeste, 2003 #1; Celeste et al., 2002; Gao et al., 2000)

3. Cellule staminali e cancro (3-lezioni)

A) le cellule staminale del sistema emapoietico
-introduzione allo studio delle cellule staminali Ematopoietiche
-Soppressori tumorali regolano il self-renewal delle cellule staminali ematopoietiche. (Akala et al., 2008)
-Ruolo della risposta al danno al DNA nel controllo del self-renewal e nell’invecchiamento delle cellule staminali ematopoietiche. (Nijnik et al., 2007)(Rossi et al., 2007)
-la cellula staminale leucemiche(Morrison and Kimble, 2006; Pardal et al., 2003; Passegue et al., 2003)

B) Tumor Stem cells and Breast cancer
-cellule staminali tumorali in tumori solidi: la cellula staminale del tumore al seno. (Dontu and Wicha, 2005) (Polyak, 2007) (Farnie and Clarke, 2007)

4.Epigenetica e Cancro (1-lezione)
-ruolo di BMI-1 nelle cellule staminali e nella soppressione tumorale (Jacobs et al., 1999a; Jacobs et al., 1999b)

5.MicroRNA e Cancro (1-lezione) (Croce and Calin, 2005)
-es.MiRNA nella regolazione dell’apoptosi (Cimmino et al., 2005)

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

lezioni frontali