Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 3

Crediti: 16
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 4
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 8
Tipo: Altro

SOCIOLOGIA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessun particolare prerequisito se non una buona conoscenza della storia moderna.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

)Frequentanti il Corso: scritto (obbligatorio), orale (facoltativo).
Per chi decide di frequentare, la valutazione consiste in due prove intermedie scritte relative agli argomenti trattati a lezione e previsti in bibliografia. Il corso è diviso in due moduli. Alla fine di ciascun modulo è prevista la prova scritta. Le domande scritte possono essere sia domande aperte e/o domande a risposta multipla. In quest’ultimo caso, per ciascuna domanda c’è una sola risposta corretta.
Se si superano entrambe le prove scritte si dà facoltà o di verbalizzare il voto di media delle due prove o di integrare tale voto con l’eventuale esame orale. La prova orale verte su tutto il programma.
2) Non frequentanti: scritto (obbligatorio), orale (facoltativo). La prova orale verte su tutto il programma.

Criteri di valutazione sia per lo scritto sia per l’orale
•Proprietà di linguaggio – uso appropriato dei termini
•Precisione nell’esposizione logica degli argomenti
•Capacità di costruire connessioni fra i vari argomenti
•Per lo scritto, completezza dell’esposizione dati i limiti di tempo e di pagine a disposizione

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
• Introduzione ai concetti, alle teorie e al linguaggio sociologico
• Interpretazione della società moderna nei classici della sociologia e breve panoramica su alcune prospettive contemporanee
• Strutture e mutamento, con una particolare attenzione su cittadinanza, potere, stratificazione e mobilità sociale
• Ruolo e funzione della socializzazione
• La costruzione sociale della vita quotidiana
• Tecnologie della vita quotidiana, disaggregazione spazio-temporale e interazioni indirette: la società di massa della conoscenza

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• Saper utilizzare i concetti e le teorie sociologiche nell’analisi delle interazioni della vita quotidiana
• Saper individuare i ‘saperi’ grazie ai quali gli attori svolgono le proprie attività ordinarie
• Comprendere alcuni dei cambiamenti in atto nelle società contemporanee

Contenuti

Il corso si propone di ‘problematizzare’ il mondo dato per scontato della vita sociale; si propone di ‘decostruire’ tale realtà mostrando quali i processi che la costituiscono. Il corso è organizzato attorno a quattro nuclei tematici: 1) l’interpretazione della società moderna da parte dei classici della sociologia; 2) la messa a fuoco di alcune delle principali categorie e di alcuni campi di ricerca della sociologia; 3) il ruolo e la funzione della socializzazione; 4) il rapporto fra vita quotidiana, vissuti giornalieri, il sapere tecnico-scientifico applicato agli oggetti di uso corrente e lo sviluppo della ‘società di massa della conoscenza’.

Programma esteso

• Questioni di epistemologia sociologica: positivismo, realismo, comprensione
• Società moderna e sociologia
• Secolarizzazione, cittadinanza, potere e il problema della spiegazione dell’ordine
• La società moderna nei classici della sociologia (Funzionalismo, Durkheim, Marx e Weber)
• Brevi accenni alle teorie sociologiche contemporanee: strutturalfunzionalismo e teoria del consenso (Parsons, Merton), il potere e il conflitto (Dahrendorf), la sociologia della vita quotidiana (Goffman)
• Alcuni temi e campi di ricerca: stratificazione, diseguaglianze sociali, politiche pubbliche, mobilità
• Socializzazione e biologia
• Socializzazione e cultura di senso comune
• Socializzazione e teorie della personalità (comportamentismo, Mead, Freud, Piaget)
• Le agenzie di socializzazione
• Il corso di vita come realtà socialmente strutturata
• La problematizzazione del mondo dato per scontato
• I ‘saperi’ sociali della vita ordinaria
• Corpo, tempo, spazio: tre variabili cruciali della vita sociale
• Azione, sicurezza ontologica e pratiche sociali
• Società di massa della conoscenza, disaggregazione spazio-temporale e interazioni indirette

Bibliografia consigliata

Informazioni dettagliate circa il materiale didattico saranno pubblicate sulla relativa pagina del sito e-learning.
• La bibliografia è identica sia per frequentanti sia per non frequentanti
• 1. Ghisleni, M (1998), Teoria sociale e modernità, Carocci, Roma (solo: Cap. I, II, III, IV, V);
• 2. Bagnasco, A, Barbagli, M, Cavalli, A (2012), Corso di sociologia, Il Mulino, Bologna, terza edizione, (solo: Cap. I, par. 6, Cap. II, III, XI, XII, XVII);
• 3. Ghisleni, M, Moscati, R (2001), Che cos’è la socializzazione, Carocci, Roma;
4. Ghisleni, M (2004), Sociologia della quotidianità, Carocci, Roma (del Cap. IV, solo par. 4.6 e 4.7; escluse le Osservazioni conclusive);
5. Ghisleni, M (2014), Presenza, assenza e delocalizzazione: le interazioni indirette e la disaggregazione spazio-temporale, in Rassegna Italiana di Sociologia, LV, n. 3, pp. 527-552 (l’articolo è scaricabile dalle riviste elettroniche).

Metodi didattici

Lezioni frontali, discussioni dei testi previsti per l’esame, visione di materiale audio\video; eventuali piccole esperienze di ricerca empirica sulla vita quotidiana.
Il metodo di insegnamento e gli argomenti trattati puntano allo sviluppo di capacità di sintesi, di fare collegamenti e confronti, favorendo l’applicazione pratica degli schemi concettuali acquisiti.
Le lezioni frontali e le discussioni tendono a mostrare come il rigore logico-formale della scienza possa essere applicato nelle più varie situazioni, rafforzando in questo modo le abilità interpretative e logiche dello studente. La conoscenza puntuale, chiara e adeguata che lo studente deve mostrare dei vari argomenti è finalizzata a sottrarlo a un ruolo passivo a favore di uno attivo, consentendogli così una propria autonomia di giudizio.