Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro

Anno di corso: 3

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 16
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 4
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 2
Tipo: Altro

PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno in particolare. Aver già sostenuto l’esame di psicologia sociale potrebbe facilitare la comprensione dei contenuti del corso.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Turno A
L’esame è scritto, e prevede 5 domande aperte. Le domande sono volte ad accertare l’effettiva acquisizione sia delle conoscenze teoriche, sia della capacità di affrontare problemi tipici per lo psicologo del lavoro e delle organizzazioni. I criteri di valutazione sono: la correttezza delle risposte, la capacità di argomentare, sintetizzare, creare collegamenti, e leggere criticamente la realtà.
Per gli studenti che lo richiedano, è previsto anche un colloquio orale, su tutti gli argomenti del corso, ad integrazione della prova scritta.
La partecipazione alle attività facoltative, lavori di gruppo, partecipazione a convegno, concorre alla valutazione. In particolare per queste attività gli studenti possono stilare relazioni conclusive che vengono valutate dal docente e vanno ad integrare la valutazione della prova scritta.
Per i studenti frequentanti, che svolgono durante l’anno alcune esercitazioni in aula, potranno sostituire ad una delle domande della prova scritta, la valutazione ottenuta durante tali esercitazioni.
Al termine del corso viene svolto anche un pre-appello scritto, raccomandato agli studenti frequentanti, identico per struttura all’esame scritto. A scelta dello studente, il pre-appello può sostituire integralmente l’esame scritto.

Turno B
L’esame è scritto e prevede 5 domande aperte. Le domande sono volte ad accertare l’effettiva acquisizione sia delle conoscenze teoriche, sia della capacità di affrontare problemi tipici per lo psicologo del lavoro e delle organizzazioni. I criteri di valutazione sono: la correttezza delle risposte, la capacità di argomentare, sintetizzare, creare collegamenti e leggere criticamente la realtà.
Per gli studenti che lo richiedano, è previsto anche un colloquio orale, su tutti gli argomenti del corso, ad integrazione della prova scritta.
La partecipazione alle attività facoltative (lavori di gruppo) concorre alla valutazione. I lavori realizzati e le relazioni individuali ad essi relativi vengono valutate dal docente e vanno ad integrare la valutazione della prova scritta.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Turno A
Conoscenza e comprensione
• La storia della psicologia del lavoro e delle organizzazioni
• Significato del lavoro e sue trasformazioni recenti
• Metodi per la ricerca e l’intervento nei contesti organizzativi
• Le principali problematiche teoriche della psicologia del lavoro e delle organizzazioni (cambiamento organizzativo, stress lavoro correlato, motivazione lavorativa, leadership, dinamiche di gruppo, ecc.).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• L’attività dello psicologo del lavoro e delle organizzazioni.
• Studio di casi di interventi organizzativi.
• Lavori di gruppo per approfondire alcune delle tematiche centrali della psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

Turno B
Conoscenza e comprensione
• La storia della psicologia del lavoro e delle organizzazioni
• Significato del lavoro e sue trasformazioni recenti
• Metodi per la ricerca e l’intervento nei contesti organizzativi
• Le principali problematiche teoriche della psicologia del lavoro e delle organizzazioni (cambiamento organizzativo, stress lavoro correlato, motivazione lavorativa, leadership, dinamiche di gruppo, ecc.).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• L’attività dello psicologo del lavoro e delle organizzazioni.
• Studio di casi di interventi organizzativi.
• Lavori di gruppo per approfondire alcune delle tematiche centrali della psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

Contenuti

Turno A
Si fornirà una panoramica delle principali teorie e metodologie sviluppate dalla psicologia per analizzare e intervenire nei contesti di lavoro sia a livello individuale sia a livello di sistema. Inoltre si farà sperimentare agli studenti l’utilizzo dei diversi approcci teorici e metodologici per affrontare alcuni dei problemi tipici delle organizzazioni.

Turno B
Si fornirà una panoramica delle principali teorie e metodologie sviluppate dalla psicologia per analizzare e intervenire nei contesti di lavoro sia a livello individuale sia a livello di sistema. Inoltre si farà sperimentare agli studenti l’utilizzo dei diversi approcci teorici e metodologici per affrontare alcuni dei problemi tipici delle organizzazioni.

Programma esteso

Turno A
• La storia della psicologia del lavoro e delle organizzazioni e la sua evoluzione in rapporto alle trasformazioni del lavoro contemporanee.
• Metodologie di ricerca e intervento nei contesti di lavoro.
• Job analysis, selezione e gestione della risorse umane.
• La motivazione al lavoro.
• Stress e benessere lavorativo.
• Leadership e gruppi di lavoro.
• Teorie dell’organizzazione.
• Cultura e cambiamento organizzativo.

Turno B
• La storia della psicologia del lavoro e delle organizzazioni e la sua evoluzione in rapporto alle trasformazioni del lavoro contemporanee.
• Metodologie di ricerca e intervento nei contesti di lavoro.
• Job analysis, selezione e gestione della risorse umane.
• La motivazione al lavoro.
• Stress e benessere lavorativo.
• Leadership e gruppi di lavoro.
• Teorie dell’organizzazione.
• Cultura e cambiamento organizzativo.

Bibliografia consigliata

Informazioni dettagliate circa il materiale didattico saranno pubblicate sulla pagina e-learning associata al corso.

Metodi didattici

Turno A
Oltre alle lezioni frontali in aula, parte della didattica avverrà tramite la presentazione di casi organizzativi, la realizzazione di esercitazioni a piccoli gruppi e la visione e commento di filmati (film o parti di film relativi al lavoro, ecc.).
Tutto il materiale (slides delle lezioni, testi dei casi organizzativi e esercitazioni e, quando possibile, i filmati) viene reso disponibile sul sito elearning del corso, perché sia fruibile anche dagli studenti non-frequentanti.
Ad inizio delle lezioni verranno proposti alcuni lavori di gruppo su tematiche tipiche della psicologia del lavoro e delle organizzazioni. Ai diversi gruppi sarà data la possibilità di presentare a lezione e di discutere i loro lavori con il docente e con i colleghi presenti. Gli studenti inoltre saranno invitati, su base volontaria, a partecipare durante il periodo delle lezioni ad un convegno su tematiche relative al corso. I convegni ritenuti interessanti saranno proposti dal docente ad inizio del corso.

Turno B
I metodi didattici includono l’utilizzo di lezioni frontali, filmati, presentazione di casi organizzativi ed esercitazioni pratiche.
Tutto il materiale didattico (slides delle lezioni, testi dei casi organizzativi, filmati, quando possibile) è reso disponibile sul sito elearning del corso, perché sia fruibile anche dagli studenti non-frequentanti.
Nelle prime lezioni verranno proposti alcuni lavori di gruppo – su base volontaria e da realizzare nel corso del semestre – su tematiche tipiche della psicologia del lavoro e delle organizzazioni. Ai diversi gruppi sarà data la possibilità di presentare a lezione e di discutere i loro lavori con il docente e con i colleghi presenti.