Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro

Anno di corso: 3

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 16
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 4
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 2
Tipo: Altro

FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Laboratorio: Prova scritta basata su due domande aperte, valutate ciascuna da 0 a 4 punti. Prova orale facoltativa.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
• Comprendere che cos’è una scienza
• Riflettere su che tipo di ragionamenti e spiegazioni usa
• Valutare il rapporto tra scienza e verità
• Comprendere perché le teorie scientifiche cambiano
• Riflettere sulla natura e la classificazione dei disturbi mentali.
• Il laboratorio si propone di accrescere la cultura generale dello studente e il suo senso critico.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• Analisi critica di testi
• Discussione di idee e assunzioni filosofiche e scientifiche
• Riflessioni sullo stato attuale delle discipline che si occupano della malattia mentale

Contenuti

Lezioni frontali
Prima parte, nozioni di base. Che cos’è la scienza, modelli di spiegazione scientifica, ragionamento nella scienza, realismo e antirealismo, le rivoluzioni scientifiche.
Seconda parte, applicazione alla filosofia della psichiatria. Modelli teorici del disturbo mentale, medicina o cultura nel disturbo mentale, problemi delle classificazioni diagnostiche correnti.
Laboratorio
Laboratorio: Natura e cultura del tempo.

Programma esteso

Lezioni frontali:
cosa distingue la scienza dalla
pseudoscienza (perché la fisica è una scienza e l'astrologia non lo è?)
la natura della spiegazione scientifica, con particolare attenzione alla spiegazione
tramite leggi (nomologico-deduttiva) dei neopositivisti, e ai suoi limiti
disputa tra realisti e antirealisti riguardo alle entità non osservabili: in che senso possiamo o non dire che i numeri o le particelle subatomiche esistono, se non possiamo osservarli?
questione del passaggio da una teoria all'altra, con il falsificazionismo di K.R. Popper e la nozione di paradigma di T.S. Kuhn.
problemi epistemologici posti dalla psicologia clinica e psichiatria.
Che cos'è la malattia mentale e in che senso è diversa dalla malattia fisica?
c'è una definizione accettabile di "disturbo mentale" che metta insieme, ad esempio, il narcisismo e i disturbi dello spettro autistico?
come e quanto un disturbo mentale dipende dalle condizioni sociali e storiche, oppure quanto invece è identificabile con alterazioni funzionali o chimiche del cervello, corrispondenti alla sfera di effetto di una certa molecola?
attuali classificazioni dei disturbi mentali.

Laboratorio: Il tempo come nostro demone e angelo custode. Linearità e circolarità del tempo. Il tempo umano, meridiane e clessidre. Da Kronos a Padre Tempo. La discesa del Tempo sulla terra, L’orologio meccanico a temporalità del tutto.

Bibliografia consigliata

COMUNE A TUTTI: M.C. Galavotti e R. Campaner (2018) Filosofia della Scienza. Milano: Egea
PER GLI STUDENTI DI SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE:
Frances, A. (2013). Primo, non curare chi è normale: Contro l’invenzione delle malattie. Torino: Bollati Boringhieri.
Lalumera, E. (2018). Filosofia della psichiatria. APHEX, 17, 1-22.
Amoretti , MC. & Lalumera, E. (2018) Il criterio del danno nella definizione di disturbo mentale nel DSM. Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia (RIFP)9, 2.
Lalumera, E., & Amoretti, M. C. (2018).Psichiatria e scienza cognitive. La proposta di Dominic Murphy. Sistemi intelligenti, 30(1), 145-168.
Lalumera, E. (2018). Perché non dovremmo cercare una definizione di “disturbo mentale”. Rivista Italiana di Filosofia del Linguaggio, 2, 143-160.
Tutti gli articoli (non i libri) saranno disponibili online su e-learning.

Nota bene: anche tutte le slides del corso disponibili su E-learning durante il corso sono materia di esame

PER GLI STUDENTI DI ALTRI CORSI DI LAUREA, A SCELTA DUE DEI SEGUENTI:
Amoretti, M.C. (2015), Filosofia e medicina. Pensare la salute e la malattia, Carocci, Roma.
Lalli, C. (2007) Dilemmi della bioetica. Napoli. Liguori.
Kuhn T.S. (2010). La struttura delle rivoluzioni scientifiche. Torino: Einaudi.
Mayr, E. (2005). L'unicità della biologia: sull'autonomia di una disciplina scientifica. Raffaello Cortina Editore.
Rovelli, C. (2014). La realtà non è come ci appare: la struttura elementare delle cose. Milano: Raffaello Cortina.

Laboratorio
Testo di riferimento:
P. Redondi (2007), Natura e cultura del tempo, in Storie del tempo, a cura di P. Redondi, Laterza, Bari – Roma, le pagine comprese tra la pag. 5 e la pagina 149 di questo libro.

Metodi didattici

Lezioni frontali, analisi di testi e immagini.