CULTURE E SOCIETA' DELL'EUROPA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Buona conoscenza della storia e della geografia dell’Europa.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Valutazione in itinere della partecipazione alle attività seminariali e della discussione in classe e prova orale finale. È valutata positivamente l’iniziativa di colmare eventuali lacune geografiche, storiche e linguistiche e di approfondire in maniera autonoma temi, problematiche e autori.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
Gli studenti acquisiranno in modo critico e problematico conoscenze storiche ed etnografiche sulle culture e le società dell’Europa e del Mediterraneo e impareranno a stabilire connessioni storiche, geografiche, culturali e linguistiche fra l’Europa e altre regioni del mondo, valorizzandone da un lato le specificità storiche e culturali e dall’altro gli elementi comuni.

Capacità di applicare conoscenze e comprensione
Gli studenti impareranno a riflettere criticamente sulle questioni delle definizione dell’Europa e sulle loro conseguenti ricadute a livello identitario e comunitario, e rifletteranno su come applicare tali competenze a diversi livelli d’interazione sociale.

Per quanto riguarda l’autonomia di giudizio e il rafforzamento delle abilità comunicative, l’insegnamento sollecita gli studenti a formulare in modo indipendente la propria opinione e ad argomentarla in modo efficace. La capacità di apprendimento è stimolata attraverso la partecipazione attiva alle lezioni e alla presentazione e discussione dei materiali forniti dal docente e di quelli proposti dagli studenti attraverso percorsi di ricerca e approfondimento bibliografico dei concetti e dei temi affrontati, anche in vista della prova finale.

Contenuti

Il corso affronta il tema dell'identità europea alla luce dei diversi sentimenti di appartenenza, inclusione ed esclusione che caratterizzano le culture e le lingue d’Europa e del Mediterraneo in un momento cruciale della storia di questa regione del mondo. Partendo da una – difficile – definizione di Europa nel contesto mondiale, si mostrerà come le affinità e le differenze delle diverse culture europee portano all’elaborazione di identità e posizionamenti diversi di tipo antropologico e di conseguenza linguistico, con conseguenze importanti sul ruolo e la funzione dell’Unione Europea e sulla questione dei migranti e delle persone mobili.

Programma esteso

Il corso affronta il tema dell'identità europea alla luce dei diversi sentimenti di appartenenza, inclusione ed esclusione che caratterizzano le culture e le lingue d’Europa e del Mediterraneo in un momento cruciale della storia di questa regione del mondo. Partendo da una – difficile – definizione di Europa nel contesto mondiale, si mostrerà come le affinità e le differenze delle diverse culture europee portano all’elaborazione di identità e posizionamenti diversi di tipo antropologico e di conseguenza linguistico, con conseguenze importanti sul ruolo e la funzione dell’Unione Europea e sulla questione dei migranti e delle persone mobili.

Bibliografia consigliata

Heikki Mikkeli, Europa. Storia di un'idea e di un'identità Bologna: Il Mulino 2002 (eventualmente anche nella edizione originale : Europe as an Idea and an Identity, Basingstoke: Palgrave Publishers 1998)

Federico Chabod, Storia dell’idea d’Europa, Bari: Laterza 2015(9)

Patrick J. Geary, Il mito delle nazioni. Le origini medievali dell’Europa, Roma, Carocci 2016(2) (eventualmente anche nella edizione originale : The Mith of Nations. The Medieval Origins of Europe, Princeton: Princeton University Press 2002)

Pietro Scarduelli, L’Europa disunita. Etnografia di un Continente, Bologna: Archetipo 2013

Metodi didattici

Il corso ha uno spiccato carattere seminariale e combina introduzioni frontali sui principali problemi affrontati e discussioni comuni su aspetti specifici, anche intro dotti e commentati dagli studenti. La frequenza attiva e partecipata al corso è vivamente raccomandata.