METODOLOGIA DELLA RICERCA CLINICA ED EPIDEMIOLOGICA (E-LEARNING)

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
12
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
87
Prerequisiti: 

Nessuno

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

L’ESAME CONSISTE IN ALCUNE PROVE IN ITINERE E IN UNA PROVA ORALE CHE VERTERÀ SULL’INTERO PROGRAMMA DEL CORSO.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

IL CORSO SI PROPONE DI: INTRODURRE LE FONTI DI INCERTEZZA DEL PROCESSO CLINICO, DALLA FORMULAZIONE DELLA DIAGNOSI, ALLA SCELTA DELLA TERAPIA E/O DELL’INTERVENTO PREVENTIVO; SI PROPONE INOLTRE DI ESAMINARE CRITICAMENTE LE MISURE PROPOSTE IN LETTERATURA SULLA VALIDITÀ DELLA DIAGNOSI, SUL DISACCORDO CLINICO, SULLA FREQUENZA DELLA MALATTIA E DEI SUOI POSSIBILI ESITI, SULL’ASSOCIAZIONE TRA DETERMINANTI E RISCHIO DI MALATTIA, SULL’EFFICACIA E SULL’IMPATTO DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI E PREVENTIVI. UN ALTRO OBIETTIVO È QUELLO DI APPROFONDIRE GLI ASPETTI LEGATI AL DISEGNO DEGLI STUDI METTENDO LO STUDENTE IN GRADO DI LEGGERE CRITICAMENTE LA LETTERATURA MEDICA E DI REDIGERE IL PROTOCOLLO DI UNO STUDIO CLINICO SPERIMENTALE OD OSSERVAZIONALE O DI UNA META-ANALISI. IL CORSO SI PROPONE INOLTRE DI ESAMINARE I PRINCIPALI MODELLI PER L’ANALISI DEI RISULTATI DI UNO STUDIO CLINICO E/O DI FARMACOEPIDEMIOLOGIA METTENDO LO STUDENTE IN GRADO DI REDIGERE IL RAPPORTO FINALE DI UNO STUDIO CLINICO SPERIMENTALE OD OSSERVAZIONALE O DI UNA META-ANALISI.

Contenuti

IL CORSO SI PROPONE DI INTRODURRE LE MISURE DI INCERTEZZA DEL PROCESSO DIAGNOSTICO; ESAMINARE LE MISURE DI FREQUENZA DEGLI EVENTI CLINICI E DEI SUOI DETERMINANTI E GLI ERRORI CASUALI E SISTEMATICI DELLE MISURE CLINICHE; ESAMINARE GLI STUDI OSSERVAZIONALI E SPERIMENTALI.

Programma esteso

A. INCERTEZZA DEL PROCESSO DIA-GNOSTICO
- INTRODUZIONE AL PROCESSO DIAGNOSTICO
- ACCURATEZZA E PRECISIONE DELLA MISURE CLINICHE
- VALIDITÀ E RIPRODUCIBILITÀ DEL GIUDIZIO CLINICO
B. CARATTERISTICHE OPERATIVE DI UN TEST DIAGNOSTICO
- VALIDITÀ DI UN TEST DIAGNOSTICO
- TEST ESPRESSI CON UNA SCALA CONTINUA E LA CURVA ROC
- SCELTA DEL TEST
C. PREDITTIVITÀ DI UN TEST DIAGNOSTICO
- VALORE PREDITTIVO
- VALORE PREDITTIVO POSITIVO E PREVALENZA
- VALORE PREDITTIVO POSITIVO E RAGIONAMENTO CLINICO
D. CARATTERISTICHE OPERATIVE E PREDITTIVITÀ DEI TEST MULTIPLI
- COMBINAZIONE DI TEST
- TEST IN SERIE E IN PARALLELO
E. ACCORDO TRA OSSERVATORI
- UN RICHIAMO AI CONCETTI DI VALIDITÀ E RIPRODUCIBILITÀ
- LA MISURA DELLA CONCORDANZA
- QUANTO FREQUENTEMENTE SI VERIFICA IL DISACCORDO TRA CLINICI?
2) MISURE DI FREQUENZA DEGLI EVENTI CLINICI E DEI LORO DETERMINANTI
A. FREQUENZA DEGLI EVENTI CLINICI
- I CONCETTI DI INCIDENZA E PREVALENZA
- LE MISURE DI INSORGENZA (INCIDENZA)
B. DETERMINANTI DEGLI EVENTI CLINICI
- MISURE DI ASSOCIAZIONE
- MISURE DI IMPATTO
C. EFFICACIA DELLE AZIONI TERAPEUTICHE
- FORZA DELL’EFFICACIA
- IMPATTO CLINICO DEL TRATTAMENTO
- BILANCIO TRA BENEFICI E RISCHI DEL TRATTAMENTO
3) ERRORI CASUALI E SISTEMATICI DELLE MISURE CLINICHE
A. PRECISIONE DELLE MISURE
- UN RICHIAMO AI CONCETTI DI PRECISIONE E VALIDITÀ
- PRECISIONE, VARIABILITÀ CASUALE E INTERVALLI DI CONFIDENZA
- MISURE DESCRITTIVE E DI ASSOCIAZIONE
B. VALIDITÀ DELLE MISURE
- UN RICHIAMO AL CONCETTO DI VALIDITÀ
- DISTORSIONE DA SELEZIONE
C. IL RUOLO DEL CONFONDIMENTO
- DEFINIZIONE DI CONFONDENTE
- METODI DI CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO
4) STUDI OSSERVAZIONALI E SPERIMENTALI
A. LA RICERCA CLINICA TRA SPERIMENTAZIONE E OSSERVAZIONE
- GERARCHIA DELLE EVIDENZE
- STUDI NON CONTROLLATI
- STUDI CONTROLLATI CON CONTROLLI STORICI
- STUDI CONTROLLATI CON CONTROLLI CONCORRENTI: L’EPIDEMIOLOGIA ANALITICA
- SPERIMENTAZIONI CLINICHE CONTROLLATE E RANDOMIZZATE
- META-ANALISI DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE CONTROLLATE E RANDOMIZZATE
B. STUDI DI COORTE
- RAZIONALE E FINALITÀ
- ASPETTI LEGATI ALLA PIANIFICAZIONE DELLO STUDIO
- ASPETTI LEGATI ALL’ANALISI DEI DATI
- ASPETTI LEGATI ALLA COMUNICAZIONE DEI RISULTATI
- FORZE E DEBOLEZZE DEL DISEGNO OSSERVAZIONALE DI COORTE
C. STUDI CASO-CONTROLLO
- DEFINIZIONE
- IL RAZIONALE DEGLI STUDI CASO-CONTROLLO
- LA MISURA DELL’ASSOCIAZIONE NEGLI STUDI CASO-CONTROLLO
- ASPETTI LEGATI ALLA PIANIFICAZIONE DELLO STUDIO
- ASPETTI LEGATI ALL’ANALISI DEI DATI
- ASPETTI LEGATI ALLA COMUNICAZIONE DEI RISULTATI
- FORZE E DEBOLEZZE DEL DISEGNO OSSERVAZIONALE DI CASO-CONTROLLO
5) SPERIMENTAZIONI CLINICHE
A. RAZIONALE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE
- CENNI STORICI SULLA SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI FARMACI
- LE FASI DELLA SPERIMENTAZIONE CLINICA DI UN FARMACO
- ASPETTI ETICI DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE
- ASPETTI LEGATI ALLA PIANIFICAZIONE DELLO STUDIO
- ASPETTI LEGATI ALL’ANALISI DEI DATI
- ASPETTI LEGATI ALLA COMUNICAZIONE DEI RISULTATI
- FORZA E INSUFFICIENZA DEL METODO SPERIMENTALE
6) META-ANALISI DI STUDI SPERIMENTALI E OSSERVAZIONALI PUBBLICATI
- DEFINIZIONE
- ASPETTI LEGATI ALLA RACCOLTA DEGLI STUDI
- ASPETTI LEGATI ALLA SINTESI DEI DATI TRAMITE L’UTILIZZO DI MODELLI A EFFETTI FISSI E AD EFFETTI CASUALI
7) VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEGLI STUDI INCLUSI, DELLA PRESENZA DI PUBBLICATION BIAS E DELLA ROBUSTEZZA DELLE STIME OTTENUTE.

Bibliografia consigliata

PER OGNI ARGOMENTO, SULLA PIATTAFORMA E-LEARNING, È DISPONIBILE IL MATERIALE DIDATTICO (TESTI SCRITTI, ESERCIZI DI AUTOVERIFICA, PROGRAMMI DI CALCOLO, E ARTICOLI SCIENTIFICI.

Metodi didattici

E-learning

Contatti/Altre informazioni

Il programma viene integrato con articoli indicati dal docente