ANTROPOLOGIA DEI PROCESSI MIGRATORI

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale

La prova orale mira a valutare la padronanza, comprensione e presentazione chiara dei contenuti oltre che la capacità di analisi critica e di rielaborazione.
Per gli studenti frequentanti sarà valutata anche l’attiva partecipazione ai seminari.
Gli studenti non frequentanti verranno valutati solo sulla prova orale e hanno un programma a loro dedicato, per eventuali chiarimenti sono invitati a contattare le docenti.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Gli studenti acquisiranno una conoscenza articolata della prospettiva antropologica sulle migrazioni contemporanee, imparando a usare concetti e prospettive sviluppati dalla disciplina.

Attraverso la lettura e discussione in aula di saggi etnografici, il corso mira a sviluppare la capacità di applicare concettualizzazioni apprese oltre che una lettura critica e autonoma delle migrazioni contemporanee ponendo attenzione all’acquisizione di un linguaggio disciplinare puntuale.

Contenuti

Gli studenti, attraverso un’analisi del dibattito teorico-metodologico sulle migrazioni, verranno guidati verso una lettura approfondita dei processi migratori volontari e forzati, e il loro impatto politico e culturale. Il corso è suddiviso in due parti. La prima parte sarà condotta da Barbara Pinelli che affronterà i seguenti argomenti: cenni storici sulle migrazioni, paradigmi teorici sviluppatesi dagli anni Settanta sino alle prospettive sull’intersezionalità (genere, razza, classe sociale), migrazioni forzate, studi sui rifugiati e sull’asilo politico. La seconda parte sarà condotta da Selenia Marabello che proporrà delle riflessioni teorico-metodologiche sulle prospettive d’analisi del transnazionalismo e mobilità spostando l’attenzione sul nesso migrazioni-sviluppo, sulla costruzione della soggettività politica dei migranti, sui processi di razzializzazione, discriminazione e salute.

Programma esteso

Bibliografia frequentanti

La bibliografia d’esame prevede lo studio di una dispensa data a lezione e dei testi indicati:

1) RICCIO, B., a cura di, (2014), Antropologia e migrazioni, Roma, CISU. Capitoli: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 16, 17, 19, 20.

2) Due testi a scelta fra i seguenti:

AGIER, M., (2016), Borderlands: Towards an Anthropology of the Cosmopolitan Condition, Polity Press.
ALBAHARI, M., (2015), Crimes of Peace. Mediterranean Migrations at the World’s Deadliest Border, University of Pennsylvania Press.
CIABARRI, L., (a cura di), (2015), I rifugiati e l’Europa. Tra crisi internazionali e corridoi d’accesso, Milano, Raffaello Cortina.
FASSIN, D., (2013), La forza dell'ordine, Bologna, La Linea
FONTANARI, E., PINELLI, B., a cura, (2017), Refugee Experiences in Europe. Subjectivity, Surveillance and Control, numero monografico di Etnografia e Ricerca Qualitativa, 1, https://www.rivisteweb.it/issn/1973-3194.
HOLMES, S., (2013), Fresh Fruit, Broken Bodies: Migrant Farmworkers in the United States, University of California Press, Berkeley.
MARABELLO, S., (2012) Il paese sotto la pelle. Una storia di Migrazione e Co-sviluppo tra il Ghana e l’Italia, CISU, Roma.
MARCHETTI, C., PINELLI, B., a cura, (2017), Confini d’Europa. Modelli di controllo e inclusioni informali, Milano, Raffaello Cortina.
ONG, A., (2005), Da rifugiati a cittadini. Pratiche di governo nella nuova America, Raffaello Cortina, Milano.
PINELLI, B., a cura, (2013), Migrazioni e asilo politico, anno XIII, n.15, http://www.ledijournals.com/ojs/index.php/antropologia/issue/view/20
PIZZA, G., RAVENDA, A. (a cura di), (2012), Presenze internazionali. Prospettive etnografiche sulla dimensione fisico-politica delle migrazioni in Italia, AM Rivista della società italiana di antropologia medica, 33-34, Argo, Lecce.
SORGONI, B., a cura di, (2011), Chiedere asilo in Europa. Confini, margini e soggettività, Monografico rivista «LARES» LXXVII(1).
VAN AKEN, M., a cura, (2005), Antropologia. Rifugiati, V, n. 5, http://www.ledijournals.com/ojs/index.php/antropologia/issue/view/11

Bibliografia non frequentanti
La prova d’esame prevede lo studio di 4 testi

1) RICCIO, B., a cura di, (2014), Antropologia e migrazioni, Roma, CISU (Capitoli: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 16, 17, 19, 20).

2) Due testi a scelta fra i seguenti:

AGIER, M., (2016), Borderlands: Towards an Anthropology of the Cosmopolitan Condition, Polity Press.
ALBAHARI, M., (2015), Crimes of Peace. Mediterranean Migrations at the World’s Deadliest Border, University of Pennsylvania Press.
FONTANARI, E., PINELLI, B., a cura, (2017), Refugee Experiences in Europe. Subjectivity, Surveillance and Control, numero monografico di Etnografia e Ricerca Qualitativa, 1, https://www.rivisteweb.it/issn/1973-3194.
HOLMES, S., (2013), Fresh Fruit, Broken Bodies: Migrant Farmworkers in the United States, University of California Press, Berkeley.
3) Un testo a scelta fra i seguenti:
AUGUSTI, E., MORONE, A. M., PIFFERI, M., (2017), Il controllo dello straniero. I “campi” dall’800 a oggi, Roma, Viella.
CIABARRI, L., (a cura di), (2015), I rifugiati e l’Europa. Tra crisi internazionali e corridoi d’accesso, Milano, Raffaello Cortina.
FASSIN, D., (2013), La forza dell'ordine, Bologna, La Linea.
MARABELLO, S., (2012) Il paese sotto la pelle. Una storia di Migrazione e Co-sviluppo tra il Ghana e l’Italia, CISU,
Roma.MARCHETTI, C., PINELLI, B., a cura, (2017), Confini d’Europa. Modelli di controllo e inclusioni informali, Milano, Raffaello Cortina.
ONG, A., (2005), Da rifugiati a cittadini. Pratiche di governo nella nuova America, Raffaello Cortina, Milano.
PINELLI, B., a cura, (2013), Migrazioni e asilo politico, anno XIII, n.15, http://www.ledijournals.com/ojs/index.php/antropologia/issue/view/20
PIZZA, G., RAVENDA, A. (a cura di), (2012), Presenze internazionali. Prospettive etnografiche sulla dimensione fisico-politica delle migrazioni in Italia, AM Rivista della società italiana di antropologia medica, 33-34, Argo, Lecc

Bibliografia consigliata

1) RICCIO, B., a cura di, (2014), Antropologia e migrazioni, Roma, CISU. (Capitoli: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 16, 17, 19, 20).

2) Dispensa con articoli e saggi cruciali nel dibattito internazionale.

3) 2 volumi a scelta in una lista piuttosto ampia di proposte.

Per i non frequentanti:
Riccio B. Antropologia e Migrazioni Roma, CISU (Capitoli: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 16, 17, 19, 20) più tre volumi a scelta dello studente.

Metodi didattici

1. Lezioni frontali: quadro storico, concetti teorici e analisi di casi di studio.
2. Visione e discussione di documentari – discussioni in aula con il supporto di materiale visuale (in particolare della fotografia sociale sulle migrazioni).
3. Incontri seminariali di discussione di articoli e materiali.