Anno di corso: 1

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 12
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale

Anno di corso: 2

Crediti: 9
Crediti: 6
Crediti: 8
Crediti: 7
Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 8

Anno di corso: 3

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 18
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale

CHIMICA ORGANICA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
64
Prerequisiti: 

Propedeuticità obbligatoria per sostenere l'esame di chimica organica (ma non per frequentare l'insegnamento)
Chimica Generale
Conoscenze utili
• valenza e ibridizazione di C, H, O, N, S, P, alogeni
• concetto di acidità e basicità secondo Broensted-Lowry e Lewis, pKa
• teoria della risonanza
• equilibrio , cinetica e termodinamica di una reazione chimica
• forze intermolecolari

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

PProva scritta e orale. Inoltre gli stuenti possono sostenere due prove scritte in itinere, seguite dalla prova orale

Prova scritta (oggetto della valutazione e criteri): viene valutata la capacità dello studente di svolgere esercizi di chimica organica di base, applicando i contenuti teorici illustrati a lezione. Lo studente deve dimostrare di aver compreso i principi di base strutturali e di reattività della chimica organica.

Prova orale: (oggetto della valutazione e criteri): viene valutata la conoscenza della chimica organica di base (reattività e struttura) e la sua applicazione ai sistemi biologici. Lo studente deve dimostrare di aver compreso i principi di base della chimica organica, di saper utilizzare un linguaggio scientifico adeguato e di saper rielaborare in modo critico quanto appreso.

Prove scritte in itinere (oggetto della valutazione e criteri): viene valutata la capacità dello studente di svolgere esercizi di chimica organica di base, applicando i contenuti teorici illustrati a lezione. Lo studente deve dimostrare di aver compreso i principi di base strutturali e di reattività della chimica organica.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

L'insegnamento di Chimica Organica si propone di fornire la basi della chimica organica, con particolare attenzione alla chimica organica dei sistemi biologici.

Contenuti

• Le molecole organiche, la loro rappresentazione e la loro nomenclatura.
• Aspetti strutturali delle molecole organiche: isomeria costituzionale, conformazionale e configurazionale.
• La reattività acido-base in chimica organica
• La reattività delle molecole organiche:
o addizioni elettrofile a legami multipli
o reazioni di sostituzione nucleofila SN1 e SN2
o reazioni di eliminazione E1 e E2
o reazioni di addizione nucleofila ai composti carbonilici (aldeidi e chetoni), reattività del carbonio alfa
o acidi carbossilici: derivati e reattività
• La reattività dei composti organici nei sistemi biologici
o SN2 mediata da S-adenosilmetionina (SAM)
o la formazione di immine nel meccanismo della visione dei vertebrati
o carboidrati: struttura e proprietà
o biosintesi degli acidi grassi
o ammino acidi e proteine: struttura e proprietà
o basi azotate, nucleosidi e nucleotidi

Programma esteso

• Atomi che interessano la Chimica Organica e loro corredo elettronico.
• Polarità e Forze intermolecolari.
• Teoria degli orbitali molecolari, orbitali ibridi.
• Teoria della risonanza.
• Isomeria costituzionale, conformazionale e stereoisomeria.
• Elettrofili, nucleofili e radicali.
• Meccanismi di reazione, profilo termodinamico e cinetico.
• Gruppi funzionali.
• Alcani: struttura, e nomenclatura.
• Alcheni: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Alchini: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Composti aromatici: struttura e nomenclatura.
• Alcoli: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Alogenuri alchilici: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Aldeidi e chetoni: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Acidi carbossilici e derivati: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici. Sintesi malonica, sintesi acetoacetica, biosintesi degli acidi grassi.
• Ammine: struttura, nomenclatura e reattività, con riferimento a esempi biologici.
• Composti polifunzionali di rilevanza biologica: Carboidrati, Ammino acidi e proteine, basi azotate, nucleosidi e nucleotidi.

Bibliografia consigliata

Libri di testo
In generale, è adatto allo studio qualsiasi testo di chimica organica di base. Qui di seguito ne sono riportati alcuni
➢Brown-Poon: Introduzione alla chimica organica 5° Ed (Edises)
➢Botta et al. Chimica Organica Essenziale (EDI-Ermes)
➢D. Klein Fondamenti di chimica organica (Pearson)
➢Gorzynski Smith Fondamenti di Chimica Organica (Mc Graw Hill)
➢Wade Fondamenti di Chimica Organica (PICCIN)

ESERCIZIARIO
➢ Esercizi di chimica organica-Guida alla comprensione e allo svolgimento (EDISES)
Slides usate a lezione:
Tutto il materiale didattico utilizzato a lezione è reperibile sulla pagina Moodle dell'insegnamento

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

Lezioni e esercitazioni in aula. Sia le esercitazioni che le lezioni non richiedono frequenza obbligatoria, benchè caldamente consigliati.
L'insegnamento è affiancato da attività di tutoraggio per piccoli gruppi.

Contatti/Altre informazioni

Orario di ricevimento
Su appuntamento richiesto via mail a laura.cipolla@unimib.it