CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2019/2020
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Padronanza delle conoscenze teoriche e metodologiche di base della sociologia dell’organizzazione e buone capacità di apprendimento, di scrittura e comunicazione orale.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Valutazione orale durante il corso con prova finale scritta per studenti frequentanti. Scritto per studenti non frequentanti.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Tema conduttore del corso è lo studio dei processi di cambiamento organizzativo con particolare riferimento alla gestione dell’incertezza, dell’inaspettato e della miopia nelle organizzazioni. L’obiettivo è di guidare all’analisi, alla diagnosi e all’individuazione di modelli organizzativi affidabili in ambienti complessi e incerti.

Contenuti

- Il cambiamento organizzativo nei sistemi complessi;

- La miopia organizzativa: previsione e prevedibilità nelle organizzazioni;

- La gestione dell’inaspettato nelle organizzazioni;

- Processi decisionali in situazione critiche;

- Le organizzazioni ad alta affidabilità.

Programma esteso

Nella prima parte il corso analizza i principi generali di funzionamento e mancato funzionamento delle organizzazioni nei diversi campi. La finalità è di:

a) abilitare a comprendere le relazioni fra struttura e funzionamento organizzativo dell'impresa da una parte e le variabili esterne di carattere finanziario, legale, ecologico, culturale, di ordine pubblico dall'altro;

b) abilitare ad attivare processi di cambiamento capaci di valorizzare capitale sociale e di superare condizioni esterne avverse.

La seconda parte del corso è dedicata ad alcuni aspetti rilevanti per le organizzazioni del XXI secolo: l’affidabilità organizzativa e la gestione dell’inaspettato nelle organizzazioni complesse. Le organizzazioni complesse sono i mattoni costitutivi della società. Nel perseguire i propri obiettivi le organizzazioni possono fallire e/o deviare dai fini per cui sono state progettate intenzionalmente, con conseguenze che possono essere catastrofiche. Il corso affronterà il tema della vulnerabilità, della resilienza e del collasso delle organizzazioni con particolare riferimento a tre ambiti:

1) eventi generati dalle organizzazioni (come i man-made disaster);
2) eventi che richiedono una risposta immediata ed efficace da parte delle organizzazioni (come i disastri naturali);
3) eventi che posseggono entrambe queste due caratteristiche (come ad esempio il terrorismo). Il corso, da intendersi come un corso avanzato di teoria e analisi organizzativa, è connotato da una forte dimensione di analisi e di ricerca.

Bibliografia consigliata

Studenti frequentanti:
- Catino, M. (2014), Organizational Myopia: Problems of Rationality and Foresight in Organizations, Cambridge, Cambridge University Press. Paperback edition.
- Materiali didattici forniti dal docente durante il corso.

Studenti non frequentanti
- Catino, M. (2014), Organizational Myopia: Problems of Rationality and Foresight in Organizations, Cambridge, Cambridge University Press. Paperback edition.
- Catino, M. (2006), Da Chernobyl a Linate. Incidenti tecnologici o errori organizzativi?, Milano, Bruno Mondadori.

Metodi didattici

Lezioni frontali, lavori individuali e in sottogruppo preparati e discussi durante il corso.