Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 25
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 3

METODOLOGIA CLINICA NELLE SCIENZE INFERMIERISTICHE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
60
Prerequisiti: 

Contenuti degli insegnamenti: Fondamenti di Scienze infermieristiche ed ostetriche, Scienze biomediche 1, Scienze biomediche 2, Fisiologia umana.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Esame scritto e orale. Non sono previste prove in itinere.
Esame scritto: 30 quesiti a scelta multipla per il controllo estensivo della preparazione sul programma d’esame (ammissione esame orale con punteggio di 18/30). La pubblicazione degli esiti della prova scritta avviene di norma entro 3 giorni, in funzione del numero degli studenti iscritti.
Esame orale: colloquio di discussione sullo scritto e sugli argomenti indicati nel programma. L’esame orale verrà espletato entro 10 giorni dalla data dell’esame scritto.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Al termine del corso, lo studente avrà acquisito gli elementi per a) condurre in modo sistematico ed obiettivo la valutazione infermieristica iniziale globale secondo il modello concettuale di riferimento b) formulare le diagnosi infermieristiche in relazione ai contenuti del corso di insegnamento c) descrivere gli interventi infermieristici previsti per il I° anno di corso secondo il razionale teorico e le prove di efficacia ad essi sottesi d) conoscere il ruolo e la finalità dell’Ordine delle professioni infermieristiche e delle Associazioni nel governo del sistema professionale e) comprendere il significato di morale, etica e deontologia, i concetti etici e i principi che sottendono il Codice Deontologico dell’Infermiere.

Contenuti

Valutazione iniziale globale: raccolta sistematica e registrazione dei dati, ragionamento diagnostico.

Programma esteso

La presa in carico della persona assistita nei diversi ambiti di esercizio.
Valutazione della funzione respiratoria: ispezione (torace, modello respiratorio, colorito cute/mucose), palpazione (fremito vocale tattile, escursione toracica, cenni), percussione (cenni), auscultazione (cenni), pulsossimetria. Segni e sintomi: tachipnea, bradipnea, ipossia, ipossiemia, anossia, dispnea (esemplificazione di scale per la valutazione della dispnea), modelli di respiro anomali, cianosi, rumori respiratori, tosse, espettorato, dolore toracico, ippocratismo digitale. Interventi infermieristici: promozione della funzionalità respiratoria, raccolta di un campione di espettorato, posture che favoriscono la respirazione e l’eliminazione delle secrezioni polmonari, controllo del microclima.
Valutazione della funzione cardiovascolare: caratteristiche del polso arterioso periferico, rilevazione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, ispezione (funzioni cognitive e percezione, colorito e aspetto della cute/annessi cutanei, assenza di edemi), palpazione (cute calda e asciutta, tempo di riempimento capillare, assenza di edemi), auscultazione (polso apicale). Segni e sintomi: tachicardia, bradicardia, alterazioni del polso (aritmia, alternante, debole o filiforme), deficit di polso, ipertensione, ipotensione, rilevazione dell’edema e sua classificazione. Interventi infermieristici: promozione della funzionalità cardiovascolare, posture ed esercizi per prevenire la stasi venosa e la riduzione degli edemi declivi, raccolta di campioni di sangue: prelievo venoso, emocoltura, misurazione della glicemia con puntura cutanea.
Valutazione dello stato nutrizionale: ispezione (funzioni cognitive e percezione, colorito e aspetto della cute/annessi cutanei, postura, energia, contorno e cute dell’addome), misure antropometriche, valutazione dello stato nutrizionale (BMI, scale MUST/NRS, MNA), valutazione della deglutizione, palpazione superficiale, auscultazione (suoni intestinali), percussione (cenni), bilancio idroelettrolitico (cenni), valori di ematocrito ed emoglobina, albumina serica e prealbumina, transferrina sierica (cenni). Segni e sintomi: malnutrizione, inappetenza, sovrappeso, obesità, sottopeso, calo ponderale, alterazione di cute/annessi cutanei, muscose e denti, disfagia, disturbi del comportamento alimentare (cenni), nausea, vomito, disidratazione, ipo/ipervolemia, squilibrio elettrolitico (cenni). Interventi infermieristici: promozione di un’adeguata alimentazione e idratazione, monitoraggio del bilancio idroelettrolitico, assistenza alla persona con vomito, restrizioni/integrazioni dietetiche e somministrazione di diete speciali/nutrizione artificiale (cenni), assistenza alla persona durante l’assunzione di alimenti o bevande.
Valutazione dell’eliminazione urinaria: rilievo dei caratteri dell’urina e del modello di eliminazione urinaria, ispezione e palpazione (presenza globo vescicale, integrità mucosa meato urinario). Segni e sintomi: alterazione della diuresi e della minzione, alterazione delle caratteristiche delle urine, compromissione della capacità di svolgere o completare in autonomia le attività legate all’eliminazione. Interventi infermieristici: promozione della funzionalità urinaria, utilizzo e gestione degli ausili per l’eliminazione urinaria e intestinale, assistenza alla persona con ritenzione/incontinenza urinaria, inserimento di un catetere urinario esterno e vescicale estemporaneo/a permanenza e prevenzione delle IVU CV correlate, raccolta di campioni di urina da cv e da mitto spontaneo intermedio, raccolta campione di urine nelle 24 h, urinocoltura.
Valutazione dell’eliminazione intestinale: ispezione (contorno e cute dell’addome, area perirettale), palpazione superficiale, esame rettale, auscultazione (suoni intestinali), percussione (cenni), rilievo dei caratteri delle feci e del modello di eliminazione intestinale. Segni e sintomi di alterazione della funzione intestinale e del colore, odore, consistenza e

Bibliografia consigliata

Per tutte le Sezioni di corso:
Craven RF, Hirnle CJ, Jensen S (2013) Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica. (Volumi 1 e 2). V edizione. Milano: CEA.
Benci L (2015) Aspetti giuridici della professione infermieristica. VII edizione. Milano: McGraw-Hill (capitolo 17).
Fry ST, Johnston MJ (2004) Etica per la pratica infermieristica Milano: CEA (capitoli 1, 2, 3 e 4).
Federazione Nazionale Collegi IPASVI (2009) Codice Deontologico dell'Infermiere. Disponibile da: http://www.ipasvi.it/norme-e-codici/deontologia/il-codice-deontologico.htm
Federazione Nazionale Collegi IPASVI (2009) Commentario al Nuovo Codice Deontologico dell'Infermiere. Milano: McGraw-Hill.
Testi aggiuntivi per le Sezioni di corso di Lecco e Monza:
Ausili D, Baccin G, Bezze S, Di Mauro S, Sironi C (2015) L’ impiego dell’ICNP® con il Modello assistenziale dei processi umani: un quadro teorico per l’assistenza infermieristica di fronte alla sfida della complessità. Milano: CNAI.
Link per il reperimento della terminologia ICNP® http://www.icn.ch/ICNP-Browser-NEW.html
Testi aggiuntivi per le Sezioni di corso di Bergamo e Sondrio:
Artioli G, Copelli P, Foà C, La Sala R (2016) Valutazione infermieristica della persona assistita. Approccio integrato. Milano: Poletto Editore.
Herdman TH, Kamitsuru S (2018) Nanda International. Diagnosi infermieristiche – Definizioni e Classificazione 2018-2020. Milano: CEA.
Bulecheck GM, Butcher HK, Dochterman JM, Wagner CM (2013) Classificazione NIC degli interventi infermieristici. Milano: CEA.
Ulteriori riferimenti bibliografici integrativi verranno indicati da ciascun docente.

Metodi didattici

Lezioni frontali, utilizzo di filmati, discussione di casi.

Contatti/Altre informazioni

Per le Sezioni di corso di Lecco e Monza, la valutazione infermieristica verterà sulla raccolta dei dati sui processi biofisiologici, di difesa e protezione, di sviluppo e adattamento e di apprendimento coinvolti nei bisogni di interesse infermieristico, secondo il Modello assistenziale dei processi umani (MAPU, Respirare, Circolazione, Alimentarsi e idratarsi, Eliminazione urinaria, Eliminazione intestinale, Igiene, Movimento, Riposo e sonno, Relazione). A titolo esemplificativo verranno presentate in aula alcune diagnosi infermieristiche secondo la terminologia ICNP®: Alterata funzionalità del sistema respiratorio, Alterata funzionalità cardiocircolatoria, Alterato stato nutrizionale, Alterata capacità di autoalimentarsi, Alterazione della termoregolazione, Alterata funzionalità dell’apparato urinario, Alterata funzionalità dell’apparato gastrointestinale, Alterazione del sonno, Alterazione dell’integrità cutanea, Rischio di lesione da pressione, Lesione da pressione (Ulcere da pressione), Alterata capacità di eseguire i movimenti, Rischio di infezione, Rischio di caduta, Dolore, Alterata capacità di eseguire l’igiene, Ansia, Depressed Mood, Alterata capacità di comunicare verbalmente.
Per le Sezioni di corso di Bergamo e Sondrio, la valutazione infermieristica verterà sulla raccolta dei dati sulle dimensioni bio-fisiologica, psicologica e socio-culturale dei bisogni di assistenza infermieristica secondo l’elaborazione teorica di Virginia Henderson (Respirare, Alimentarsi e bere, Eliminare, Muoversi e assumere posizioni adeguate, Dormire e riposare, Vestirsi e spogliarsi, Igiene e protezione dei tessuti, Mantenere la temperatura corporea, Evitare i pericoli, Comunicare, Agire secondo le proprie convinzioni e valori, Occuparsi allo scopo di sentirsi utili, Partecipare ad attività creative, Apprendere).
A titolo esemplificativo verranno presentate in aula alcune diagnosi infermieristiche NANDA-International® Classificazione 2018-2020: Deficit nella cura di sé: alimentazione, Deficit nella cura di sé: uso del gabinetto, Deficit nella cura di sé: vestirsi, Deficit nella cura di sé: bagno, Dolore acuto, Dolore cronico, Rischio di cadute, Rischio di infezione, Rischio di sindrome da immobilizzazione, Rischio di tromboembolismo venoso, Rischio di ulcera da pressione, Mobilità compromessa, Mobilità compromessa nel letto, Modello di respirazione inefficace, Liberazione delle vie aeree inefficace, Rischio di pressione arteriosa instabile, Coinvolgimento in attività diversive ridotto, Rischio di stipsi, Ritenzione urinaria, Comunicazione verbale compromessa, Gestione della salute inefficace.