Anno di corso: 1

Crediti: 8
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Per stages e tirocini

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 10
Tipo: Per stages e tirocini

DIRITTO PRIVATO E DI FAMIGLIA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2018/2019
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2019/2020
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
42
Prerequisiti: 

Sufficienti abilità formative di logica e cultura sociale e ragionevoli capacità di apprendimento, di scrittura e di comunicazione orale.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

L'esame sarà solo orale.

La prova orale verterà su 3 argomenti (uno di diritto privato in generale; due di diritto di famiglia/minorile) relativi al programma oggetto del corso.

Per i soli studenti frequentanti (75% delle lezioni), uno dei due argomenti di diritto di famiglia/minorile potrà essere indicato a loro scelta.

Sarà valutato l’apprendimento delle nozioni fondamentali del diritto privato comune e la capacità di esporle con linguaggio appropriato; la comprensione degli istituti del diritto di famiglia e minorile, anche nella loro evoluzione normativa e giurisprudenziale; l’acquisizione di conoscenze adeguate ad orientare l’assistente sociale nell’ambito degli istituti di protezione dei soggetti deboli.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
Il corso mira a fornire le basilari conoscenze giuridiche del diritto privato e del diritto di famiglia e minorile, necessarie per la formazione dell’assistente sociale, con particolare riguardo agli interventi dei Servizi a tutela e sostegno della famiglia, nella sua più ampia accezione, e dei soggetti deboli, in specie dei minori.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Le conoscenze acquisite consentiranno all’assistente sociale di orientarsi efficacemente nell’ambito della tutela della famiglia e dei soggetti deboli, individuando rapidamente il contesto normativo di riferimento, gli istituti applicabili, nonché l’autorità giudiziaria cui rivolgere eventuali segnalazioni e richieste.

I contenuti appresi aiuteranno a comprendere e risolvere i problemi giuridici che possono porsi nello svolgimento della professione di assistente sociale, con utilità nei rapporti con l'utenza e con le autorità giudiziarie che operano in materia familiare e minorile
Il corso intende fornire gli strumenti metodologici per restare aggiornati su riforme legislative e evoluzioni giurisprudenziali che riguardano la materia della famiglia e dei minori.

Contenuti

Studio ed approfondimento degli istituti di diritto privato e di famiglia.
Ampio spazio sarà riservato all’ approfondimento degli aspetti giuridici della famiglia, alle misure di protezione e tutela dei minori e di altri soggetti deboli, alle relative procedure giurisdizionali.
Saranno forniti cenni sul processo penale minorile e sulla rilevanza in quel processo del ruolo dei servizi sociali minorili.

Programma esteso

Nozioni generali di diritto privato
- le fonti normative
- i diritti: classificazioni generali e forme di tutela
- principi e forme della responsabilità civile
- il contratto e le sue vicende
- le successioni mortis causa

Le persone
- i diritti inviolabili dell'uomo nell'ordinamento interno e internazionale
- i diritti della personalità; la capacità giuridica; la capacità di agire
- gli istituti di tutela dei soggetti incapaci

La famiglia
- il matrimonio e la disciplina della sua crisi: costituzione, rapporti personali e patrimoniali tra i coniugi, provvedimenti riguardanti i figli nelle procedure di separazione e divorzio
- le unioni civili tra persone dello stesso sesso e la convivenza fuori dal matrimonio
- il rapporto di filiazione
- la responsabilità genitoriale: dai poteri sui figli ai poteri per i figli, interventi di limitazione e decadenza della responsabilità
- interventi di protezione in situazione di violenza familiare

Il minore
- Il minore da oggetto a soggetto: dal paradigma della sola protezione del minorea quello della promozione e partecipazione del soggetto in formazione
- il sistema giurisdizionale e amministrativo di tutela minorile: organi giurisdizionali, ripartizione di competenze, rapporti tra autorità giudiziarie e amministrative
- istituti di protezione e promozione: la tutela e la curatela; il diritto del minore ad una famiglia, l'affidamento, l'adozione nazionale ed internazionale, i procedimenti rieducativi
- il minore autore di reati: cenni sul processo penale minorile e rilevanza del ruolo dei servizi sociali minorili.

Bibliografia consigliata

LENTI L., "Diritto di famiglia e servizi sociali", Giappichelli, Edizione 2018
CASCONE - ARDESI - GIONCADA, "Diritto di famiglia per operatori sociali e sanitario, Cedam, Edizione 2017, SOLO IL CAPITOLO XIV ( La Giustizia Penale Minorile)

Altri materiali (provvedimenti giudiziari, articoli da riviste, aggiornamenti legislativi) che saranno disponibili in piattaforma e-learning

STRUMENTI A SUPPORTO DELLA DIDATTICA:

Nuovo Codice della Famiglia, Giuffrè 2018; oppure altro Codice contenente la normativa aggiornata relativa alla famiglia e ai minori

Metodi didattici

L’insegnamento si articola in lezioni frontali in aula e nell’analisi e discussioni in aula di casi concreti, anche giudiziari, reali o verosimili.