Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 22
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 3

Crediti: 26
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale

RISK MANAGEMENT IN OSTETRICIA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
A scelta dello studente
Tipo di attività: 
Elettivo.Scelte autonome dello studente
Docenti: 
FUMAGALLI SIMONA
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
2
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
14
Prerequisiti: 

Iscrizione al secondo anno del Corso di Laurea in Ostetricia e successivi.

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Quiz a scelta multipla

Valutazione: 
Giudizio Finale

Obiettivi formativi

Lo studente al termine del corso sarà in grado di conoscere il processo di gestione del rischio clinico in Ostetricia e lo sviluppo delle abilita’ non
tecniche (NTS) in ambito sanitario.

Contenuti

Il Risk Management in sanità rappresenta l’insieme di varie azioni complesse messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni
sanitarie e garantire la sicurezza del paziente, sicurezza basata sull’apprendere dall’errore. Si deve, infatti, considerare l’errore umano
componente ineliminabile della realtà umana, come fonte di conoscenza e di miglioramento per evitare il ripetersi delle circostanze che hanno
portato l’individuo a sbagliare e mettere in atto iniziative, a vari livelli istituzionali garanti dell’assistenza sanitaria, che riducano l’incidenza di
errori. Un’attività di Risk Management efficace si sviluppa in più fasi: conoscenza e analisi dell’errore (sistemi di report, revisione delle cartelle
cliniche, utilizzo degli indicatori), individuazione e correzione delle cause di errore (Root Cause Analysis, analisi di processo, Failure Mode and
Effect Analysis), monitoraggio delle misure messe in atto per la prevenzione dell’errore, implementazione e sostegno attivo delle soluzioni proposte.
Si intende sensibilizzare gli studenti sull’importanza della “learning culture” e sulla comprensione dell’approccio sistemico allo studio degli errori.

Programma esteso

1. Introduzione: principi del Risk Management
2. Il processo di gestione del rischio clinico
3. Obiettivi delle politiche e dei programmi di gestione del rischio clinico in sala parto
4. L’approccio sistemico allo studio degli errori
5. Strumenti di gestione operativa del rischio clinico
6. Il sistema di segnalazione spontanea degli eventi avversi: il sistema di Incident Reporting
7. La raccolta dei trigger
8. Gli eventi sentinella
9. Metodi per l’analisi dei rischi: la Root Cause Analysis
10. Case report: la RCA applicata ad un incidente mancato
11. Esercitazione su caso clinico applicando uno strumento di analisi dei rischi (RCA)
12. Lo studio dei Fattori Umani (Human Factor)
13. Il lavoro di squadra: l’influenza del contesto organizzativo sulla performance umana
14. Le Non Tecnichal Skills (Abilita’ Non Tecniche-NTS): soluzioni e metodi preventivi applicabili con l’obiettivo di migliorare la sicurezza in
ambito sanitario.

Bibliografia consigliata

Ministero della Salute, Linee guida per gestire e comunicare gli eventi avversi in sanità, giugno 2011
Ministero della Salute, La Sicurezza dei Pazienti e la Gestione del Rischio Clinico, Glossario, Luglio 2006
Joint Commission Resources, Eventi Sentinella, Quello che ogni organizzazione sanitaria dovrebbe sapere, C.G. Edizioni medico scientifiche, giugno 2007
Ministero della Salute, Manuale per la RCA
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1103_allegato.pdf
C. Vincent, Patient safety, Esseditrice Panorama della Sanità, 2006
NHS, An organization with a memory, 2000
IOM, To err s human, 1999
J. Reason, L’errore umano, EPC, 1994
F. Novaco, V. Damen, La gestione del rischio clinico, Il Pensiero Scientifico editore, 1994
Ministero della Salute, Commissione tecnica sul rischio clinico, DM 5 marzo 2003, Risk Management in sanità – Il problema degli errori
Flin R.,O’Connor P.,Cricton M.2010 “Il front line della sicurezza-Guida alle Non Technical Skill” Hirelia Edizioni
Catino M. 2006 “Da Chernobyl a Linate.Incidenti tecnologici o errori organizzativi?-Milano-Mondadori Bruno.

Metodi didattici

Lezione frontale; proiezione di filmati; Lavoro di gruppo con esercitazione pratica sullo strumento di gestione dei rischi noto come Root Cause
Analysis (RCA).