DIRITTO PENALE DELL'ECONOMIA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2020/2021
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2020/2021
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
63
Prerequisiti: 

Non sono previsti prerequisiti

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

E' previsto un esame orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

 Conoscenza e comprensione: lo studente acquisirà la conoscenza degli istituti di parte generale del diritto penale, anche alla luce dei principi costituzionali che vengono in considerazione, e con particolare approfondimento delle tematiche che più direttamente interessano il settore della criminalità economica (ad es., reati propri, posizioni di garanzia, delega di funzioni, concorso di persone, responsabilità amministrativa degli enti); acquisite tali “conoscenze di base”, lo studente approfondirà lo studio dei principali reati relativi alle società commerciali, acquisendo la conoscenza di molte fra le principali fattispecie che vengono in considerazione nello svolgimento dell’attività economica, e venendo così a disporre di un preciso quadro relativo ai “rischi penali” connessi a tali attività. Le conoscenze acquisite ed il livello di comprensione saranno oggetto di verifica attraverso un esame orale al termine del corso, mentre durante lo svolgimento dello stesso si opererà una costante verifica del livello di comprensione stimolando gli studenti a prendere parte attiva alle lezioni.

 Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso, lo studente dovrà essere in grado di applicare le conoscenze acquisite nella concreta attività economica, e quindi di valutare adeguatamente i “rischi penali” connessi allo svolgimento di molteplici attività, sia nella diretta gestione delle imprese, sia nello svolgimento della consulenza; lo studente dovrà altresì essere in grado di applicare i principi di parte generale appresi nella prima parte del corso a qualsiasi fattispecie incriminatrice, anche laddove si tratti di reati non oggetto di trattazione nell’ambito del corso.

 Autonomia di giudizio: il corso si propone l’obbiettivo di sviluppare l’autonomia di giudizio dello studente, che, al termine del corso, dovrà essere in grado di comprendere e valutare i “rischi penali” connessi allo svolgimento delle varie tipologie di attività economiche con cui avrà occasione di confrontarsi nello svolgimento della propria attività professionale. Lo sviluppo dell’autonomia di giudizio e della capacità critica sarà perseguito anche mediante l’esame di pronunce giurisprudenziali, che consentirà di comprendere l’importanza del percorso argomentativo posto a sostegno delle soluzioni offerte alle fattispecie concrete volta per volta prese in considerazione

 Abilità comunicative: la crescita delle abilità comunicative verrà perseguita principalmente stimolando gli studenti a prendere parte in modo attivo alle lezioni - in particolare, partecipando alle discussioni relative a pronunzie giurisprudenziali -, e così fornendo agli stessi l’occasione, durante lo svolgimento del corso, di discutere con il docente e fra di loro, applicando a fattispecie concrete i principi appresi, e sottoponendo ad esame critico gli orientamenti giurisprudenziali.

 Capacità di apprendimento: il percorso seguito nello svolgimento del corso - attraverso il progressivo approfondimento dei principi (muovendo dall’inquadramento offerto dalla Costituzione, cui farà seguito l’esame delle tematiche di “parte generale”, per concludersi con lo studio delle singole fattispecie di “parte speciale”), anche mediante l’analisi delle applicazioni operate in sede di pronunce giurisprudenziali - si propone di assicurare una progressiva crescita delle capacità di apprendimento degli studenti, che saranno stimolati ad utilizzare, nello studio delle problematiche da affrontare, i principi generali acquisti e le proprie capacità critiche.

Contenuti

Programma dell’insegnamento
Il diritto penale dell’economia può essere considerato come quel settore del diritto penale attraverso il quale l’ordinamento giuridico tutela l’economia (tanto pubblica quanto privata), prefiggendosi in particolare di garantire il corretto andamento dei rapporti a contenuto economico intercorrenti con lo Stato e tra privati.
Ad esso fanno capo vari settori della disciplina penalistica che “storicamente” hanno anche avuto autonoma considerazione a livello accademico e didattico: il diritto penale societario, il diritto penale fallimentare, il diritto penale tributario, il diritto penale dei mercati finanziari e via dicendo.
In un tale quadro generale, il corso di diritto penale dell’economia ha innanzitutto ad oggetto, nella sua prima parte, generale, lo studio degli istituti penalistici necessari per la disamina dei vari settori sopra indicati, e per l’interpretazione delle relative categorie e tipologie di illeciti e delle loro peculiarità. Il tutto nella prospettiva di un diritto penale dell’economia che sia comunque parte pienamente integrante del “Sistema penale”, complessivamente considerato, al quale fanno capo tutti i numerosi settori del diritto penale.
Inoltre, in una seconda parte, speciale, il corso ha ad oggetto lo studio dei principali reati relativi alle società commerciali contenuti nel Codice Civile, nel Testo unico dei mercati finanziari (TUF), nella Legge Fallimentare e nella Legge Bancaria; nonchè lo studio della responsabilità delle società per gli illeciti commessi nell'ambito della loro gestione.

Programma esteso

Programma dell’insegnamento
Il diritto penale dell’economia può essere considerato come quel settore del diritto penale attraverso il quale l’ordinamento giuridico tutela l’economia (tanto pubblica quanto privata), prefiggendosi in particolare di garantire il corretto andamento dei rapporti a contenuto economico intercorrenti con lo Stato e tra privati.
Ad esso fanno capo vari settori della disciplina penalistica che “storicamente” hanno anche avuto autonoma considerazione a livello accademico e didattico: il diritto penale societario, il diritto penale fallimentare, il diritto penale tributario, il diritto penale dei mercati finanziari e via dicendo.
In un tale quadro generale, il corso di diritto penale dell’economia ha innanzitutto ad oggetto, nella sua prima parte, generale, lo studio degli istituti penalistici necessari per la disamina dei vari settori sopra indicati, e per l’interpretazione delle relative categorie e tipologie di illeciti e delle loro peculiarità. Il tutto nella prospettiva di un diritto penale dell’economia che sia comunque parte pienamente integrante del “Sistema penale”, complessivamente considerato, al quale fanno capo tutti i numerosi settori del diritto penale.
Inoltre, in una seconda parte, speciale, il corso ha ad oggetto lo studio dei principali reati relativi alle società commerciali contenuti nel Codice Civile, nel Testo unico dei mercati finanziari (TUF), nella Legge Fallimentare e nella Legge Bancaria; nonchè lo studio della responsabilità delle società per gli illeciti commessi nell'ambito della loro gestione.

Metodi didattici

Lezione frontale in aula