Giovedì, 24 ottobre, 2019

Bicocca Università del Crowdfunding, edizione 2019

Torna la call che fa decollare i progetti e le idee di studenti, docenti e personale della community di Bicocca, con il crowdfunding e i cofinanziamenti.

giovani davanti a un pc

Bicocca Università del Crowdfunding è il programma che permette a studenti, docenti, ricercatori e dipendenti dell’Università di Milano Bicocca di realizzare i propri progetti con la formula del finanziamento dal basso, ovvero la raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso.

Dopo il successo della prima edizione, anche per il 2019 è stata lanciata una seconda call e c’è tempo fino al 18 novembre per candidare i progetti direttamente sul sito dedicato.

Una delle novità di quest’anno è la possibilità di ottenere finanziamenti anche su progetti che hanno come tema il recupero e il riuso degli imballaggi di plastica, grazie al Consorzio Corepla che ha aderito a questa edizione.
Complessivamente sull’intera call, una commissione selezionerà fino a un massimo di 5 progetti, tra cui 2 Projects (progetti con un obiettivo economico complessivo di 10.000 €) e 3 Small Projects (il cui budget non supera invece i 5.000 €).

Nell’edizione 2019 di #BiUniCrowd si sta investendo molto anche sulle attività formative con workshop tematici realizzati da Assolombarda e dedicati ai potenziali progettisti, consulenze dello sportello iHelp di iBicocca e del distretto milanese del Rotary su start up, business plan e nuove idee imprenditoriali.

«Oltre il 58 per cento dei progetti proposti per la precedente edizione è stato presentato da studenti o ex-studenti – afferma il Pro-Rettore alla Valorizzazione della ricerca, Salvatore Torrisi e nel 46 per cento dei casi il proponente è stato una donna. Bicocca Università del Crowdfunding fa parte di un ricco insieme di iniziative che il nostro ateneo ha intrapreso per stimolare l’imprenditorialità della comunità universitaria, come iBicocca, e per facilitare il trasferimento di conoscenza scientifica al mondo industriale, come la Fondazione University4innovation».