Venerdì, 25 settembre 2020

Covid-19, il ruolo cruciale degli interferoni nell'immunità protettiva dei pazienti

logo unimib

Un consorzio internazionale di ricercatori, coordinati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) e dalla Rockefeller University (New York), ha scoperto perché alcuni soggetti con COVID-19 sviluppano una forma particolarmente grave di malattia. I risultati contribuiscono anche a spiegare la ragione per cui i soggetti di sesso maschile contraggano forme gravi di malattia in misura maggiore rispetto alla popolazione femminile.

I risultati dello studio, pubblicati su due lavori apparsi oggi su "Science" (Auto-antibodies against type I IFNs in patients with life-
threatening COVID-19
, DOI:10.1126/science.abd4585 e Inborn errors of type I IFN immunity in patients with life-threatening COVID-19, DOI: 10.1126/science.abd4570), dimostrano che difetti genetici e alterazioni immunologiche che compromettono la produzione di interferoni e la risposta cellulare a queste molecole sono alla base di forme molto gravi di COVID-19.

L’Università di Milano-Bicocca, in sinergia con l’ASST di Monza, ha contribuito in modo sostanziale a questi importanti risultati contribuendo con il progetto “STORM, Studio osservazionale sulla storia naturale dei pazienti ospedalizzati per Sars-Cov-2”, un archivio di dati clinici, diagnostici e terapeutici relativi ai pazienti COVID-19 ricoverati presso l'Ospedale San Gerardo di Monza e presso l'Ospedale di Desio, coordinato da Paolo Bonfanti, professore di Malattie infettive dell'Ateneo. Per la ricerca pubblicata su “Science”, in particolare, è stato fondamentale l'apporto della bio-banca associata a STORM per la raccolta del materiale biologico residuo derivante da tamponi e prelievi dei pazienti, creata su iniziativa di Andrea Biondi, professore di Pediatria di Milano-Bicocca. STORM ha contribuito con un campione di dati clinici riguardanti 728 pazienti: 300 ospedalizzati con grave polmonite da COVID-19 e 428 asintomatici e lievemente sintomatici o sani.

a cura di Redazione Centrale, ultimo aggiornamento il 25/09/2020