Arrivo in Italia

Una volta che sei arrivato in Italia dovrai fare i seguenti passaggi utili per il tuo soggiorno e richiesti anche per il permesso di soggiorno. Potrai inviare il kit senza questi documenti inizialmente ma dovrai presentare tutto al primo appuntamento in Questura.

I. Codice Fiscale

Il codice fiscale è un documento utilizzato in Italia per identificare i cittadini fiscalmente. Questo codice è necessario per qualsiasi tipo di transazione fiscale come ad esempio la sottoscrizione di un contratto di affitto, compra di scheda sim, iscrizione universitaria, aprire un conto bancario, ecc.

Inizialmente il nostro sistema calcola un codice fiscale temporaneo per gli studenti che non risiedono in Italia per permettere loro di proseguire con l’immatricolazione ma questo codice dovrà venire confermato da quello ufficiale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. 

Come richiederlo?

Durante la situazione di pandemia è stata accordata, tra Università e Agenzia delle Entrate, una modalità telematica per la richiesta del codice fiscale per studenti non europei. 

ATTENZIONE: non è possibile richiedere il codice fiscale per mail dall’estero. Per la richiesta serve avere un indirizzo di dimora ufficiale (quello che avrai durante tutto l’anno accademico).

Essendo questo un canale preferenziale per i nostri studenti le istruzioni di come richiederlo verranno inviate tramite mail al tuo indirizzo campus. Controlla la tua casella di posta.

In alternativa puoi andare alla sede dell’Agenzia delle Entrate più vicina a casa tua e chiederlo li. Porta una copia del tuo passaporto, visto per studio e il modulo AA48. Dovrai anche fornire l’indirizzo di dimora ufficiale (da compilare sul modulo).

Cosa fare una volta che l’hai ottenuto?

Dovrai inviare una copia del codice fiscale ufficiale a welcome.desk@unimib.it (basta una copia del foglio che ti rilasciano con il numero, non è necessaria la copia del tesserino). 

Borsa di studio – DSU

Avrai bisogno del codice fiscale anche per richiedere la borsa di studio al diritto per lo studio (DSU). Puoi fare domanda con quello temporaneo ma appena riceverai quello ufficiale dovrai mandare una copia anche a dsu@unimib.it

II. Assicurazione Sanitaria

Una volta in Italia dovrai obbligatoriamente sottoscrivere un’assicurazione medico-sanitaria. Potrai accedere alle cure del sistema sanitario nazionale o sottoscrivere una polizza privata. L’assicurazione medico-sanitaria ti verrà richiesta anche per il permesso di soggiorno. Il permesso di soggiorno avrà la stessa durata del periodo di validità dell’assicurazione sanitaria (ma potrà durare al massimo 12 mesi).

Registrazione al Servizio Sanitario Nazionale Italiano (SSN)

L’assicurazione è valida per l’anno solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre). Gli studenti immatricolati a settembre potranno acquistare un'assicurazione sanitaria privata valida per 12 mesi al fine di ottenere un permesso di soggiorno della stessa durata ed iscriversi al SSN nel nuovo anno, in modo da sfruttarlo per l’intera durata dell’anno.

Per l’iscrizione, dovrai effettuare un pagamento di 149,77 € presso qualsiasi ufficio postale (www.posteitaliane.it), compilando un bollettino di pagamento con i seguenti dati: c/c postale n. 379222 - Intestato a: Amministrazione P.T. Regione Lombardia - Causale: iscrizione volontaria S.S.N.

Per gli studenti che abitano a Monza: Compila il modulo con queste informazioni: c/c postale n. xxxxx - Intestato a: xxxxxxxxxx - Causale: iscrizione volontaria S.S.N.

Per gli studenti che abitano a Bergamo: Compila il modulo con queste informazioni: c/c postale n. xxxxx - Intestato a: xxxxxxxxxx - Causale: iscrizione volontaria S.S.N.

Una volta pagato il bollettino, è possibile utilizzare la ricevuta di pagamento per fare domanda di permesso di soggiorno. Solo dopo aver presentato domanda per il permesso di soggiorno potrai andare ad un ufficio ATS o AUSL (ufficio sanitario locale) della tua area. Puoi trovare la lista degli uffici di Milano e provincia sul sito www.asl.milano.it. 

Documenti necessari per la registrazione presso gli uffici ATS o AUSL:

  • autocertificazione di iscrizione universitaria (scaricabile da segreterie online);
  • ricevuta della domanda di permesso di soggiorno; codice fiscale;
  • copia del passaporto;
  • ricevuta del pagamento postale per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale.

Sottoscrizione di una polizza privata:

All’estero

Puoi acquistare un’assicurazione sanitaria privata nel tuo paese prima di partire. Ti consigliamo di far legalizzare la polizza assicurativa dall’Ambasciata Italiana e farla tradurre in lingua italiana. Se esiste un accordo di assistenza sanitaria tra il tuo paese di residenza e l'Italia, che dà diritto di accedere al Servizio Sanitario Nazionale Italiano gratuitamente, devi richiedere la documentazione relativa all’accordo alla Rappresentanza Diplomatica Italiana sul territorio e presentarla all’ufficio ATS al tuo arrivo in Italia.

In Italia

Tra le polizze più convenienti al momento, troverai quella fornita da W.A.I (Welcome Association Italy). Costa 120 € per 12 mesi di assistenza e 71 € per 6 mesi di assistenza (a partire dal giorno in cui è stata acquistata ). Copre le emergenze (ciò significa che le spese sono coperte solo se sei ricoverato in ospedale tramite ambulanza o attraverso il pronto soccorso), ma fornisce anche alcuni servizi extra solo per tre volte all’anno. Per informazioni dettagliate sui servizi di polizza, le condizioni e il pagamento controllare attentamente il sito web http://www2.waitaly.net/en/.

IMPORTANTE: qualunque polizza deciderai di stipulare, sarà valida solo dopo aver presentato regolare domanda di Permesso di soggiorno.

III. Dichiarazione di Dimora e residenza

La dimora è il luogo nel quale una persona abita e svolge in maniera continuativa la propria vita personale. La residenza è il dato di dimora che viene inserito nei registri dell'anagrafe. In poche parole, la dimora è l’indirizzo dove abiti e la residenza è l’indirizzo dove abiti che però registri ufficialmente all’anagrafe. 

Per il permesso di soggiorno dovrai presentare un attestato di dimora. Questo può essere il contratto d’affitto se è al tuo nome o la dichiarazione di ospitalità di un tuo amico (che ti ospiterà in maniera continuativa per quest’anno accademico). Se sarai ospite in una delle residenze studentesche, basterà chiedere al responsabile della struttura un attestato di dimora. 

Dopo ricevere il permesso di soggiorno invece dovrai registrare obbligatoriamente la tua dimora e quindi ottenere la residenza. 

La residenza si può registrare completamente online allegando la seguente documentazione: 

  • visto di ingresso 
  • codice fiscale 
  • permesso di soggiorno
  • passaporto
  • modulo d’iscrizione

Per informazione dettagliata e per inoltrare la richiesta, vai sul sito del comune: https://www.comune.milano.it/servizi/residenza-cittadini-stranieri

 
IV. YESMILANO

E’ il progetto ideato dal gruppo Milano and partners (associazione fondata dal Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano, Monza, Brianza, Lodi) per attrarre nuovi visitatori, talenti e investimenti per la città supportando la crescita di Milano e rendendola la città più accogliente al mondo. 

Il progetto per gli studenti internazionali di Milano coinvolge le Università, il Comune, la Questura e l’Agenzia delle Entrate per creare un percorso più agevole per i nostri studenti. 

Troverai nel loro sito informazione dettagliata su come fare ogni processo, dalla residenza all’assicurazione sanitaria al codice fiscale. 

In fase di pandemia raccolgono informazioni utili e aggiornate su ogni aspetto che come studente ti può interessare. 

Consulta il loro sito qui: https://www.yesmilano.it/en/study

Puoi anche prendere appuntamento con il loro sportello per ogni necessità: https://www.yesmilano.it/en/welcomestudents#paragraph-299

a cura di Area della formazione, ultimo aggiornamento il 22/06/2021