Tirocini professionalizzanti

Tirocini professionalizzanti psicologia in periodo di emergenza sanitaria
EMERGENZA CORONAVIRUS: FAQ TIROCINIO PROFESSIONALIZZANTE
1 - "Con la pubblicazione del DPCM 4 novembre è possibile continuare il tirocinio professionalizzante?"
Sì, sia in presenza sia in smart working, in accordo con l’azienda/ente ospitante.
 
2 - "Nei casi in cui l'azienda/ente approvi e autorizzi lo smart working, come riporto le ore svolte sul registro?"
Inserire alla voce "luogo" la specifica smart working; inserire alla voce "tipologia attività" una breve descrizione dell'attività di tirocinio in questa modalità.
 
3 - "Ho terminato il tirocinio professionalizzante e devo caricare il registro e la relazione, ma a causa dell'Emergenza Sanitaria non posso raggiungere il mio Tutor Aziendale psicologo per fare firmare i documenti, cosa faccio?" 
In questo caso è sufficiente inviare tramite (anche telematicamente) al Tutor Aziendale psicologo il registro e la relazione finale, questi restituirà i documenti sottoscitti al tirocinante che dovrà caricarli su Segreterie Online. Si raccomanda di verificare sempre la leggibilità dei documenti allegati.
 
4 -  "Quanto tempo ho a disposizione per caricare il registro e la relazione?"
Il periodo delle due settimane dalla fine del tirocinio, in questa situazione di Emergenza, non vale più. Fino all'ottenimento delle firme del Tutor Aziendale Psicologo, la finestra temporale rimane aperta. Si ricorda che senza i documenti allegati il tirocinio non può essere chiuso e pertanto non è considerato valido ai fini della partecipazione all’Esame di Stato.
 
5- "Svolgerò parte del tirocinio  professionalizzante in smart working: come viene inserita questa specifica nel progetto formativo?”
L'Azienda/Ente accede a Segreterie Online e inserisce come di consueto il progetto formativo. Seleziona dal menu "tipo presenza richiesta" la voce smart working, inserendo alla voce "attività" una descrizione dell'attività che sarà svolta in modalità smart working. 
Successivamente il tirocinante approva il progetto formativo e l'Ufficio stage lo avvia.
Qualora sia necessario modificare anche a tirocinio avviato il “tipo di presenza” inviare una mail a stage@unimib.it con oggetto “CAMBIO MODALITA’ TIROCINIO PROF.” specificando i dati del tirocinio (tirocinante, matricola e ente ospitante) avendo cura di mettere in copia conoscenza il tutor aziendale. 
 

Premessa

L'Ufficio Stage, Tirocini ed Esami di Stato dell'Ateneo gestisce la procedura per l’attivazione dei Tirocini professionalizzanti per l’ammissione all’Esame di Stato di abilitazione alla professione di Psicologo.

Si ricorda che: non saranno concesse deroghe o eccezioni ai tirocinanti che non sono in regola con la documentazione per il primo o il secondo semestre. Pertanto: a chi non in regola con i documenti o le immatricolazioni non verrà approvato il primo semestre oppure l’intero anno di tirocinio nel caso di inadempienze al secondo semestre.

Si consiglia di leggere attentamente quanto riportato in questa sezione del sito: all’interno dei paragrafi sono stati inseriti anche link alle pagini utili del sito dell’Ordine degli Psicologi di Lombardia (OPL).

Da sapere
  1. Il tirocinio professionalizzante è così strutturato:

​ALBO A 

  • durata: 2 semestri obbligatoriamente consecutivi (secondo il calendario al punto 2)
  • monte ore totale: 1000 ore (500 + 500)
  • aree disciplinari: il tirocinio deve obbligatoriamente svolgersi in 2 aree differenti (l'Ente ospitante può essere lo stesso solo nel caso in cui abbia ottenuto l'accredito OPL per le 2 aree)

ALBO B

  • durata: 1 semestre
  • monte ore totale: 500 ore

 

  1. I semestri di tirocinio sono fissati secondo il seguente calendario:
  • I semestre 15.3 → II semestre 15.9
  • I semestre 15.4→ II semestre 15.10
  • I semestre 15.9→ II semestre 15.3
  • I semestre 15.10→ II semestre 15.4

 

  1. Alcune premesse all’attivazione del tirocinio:
  • l’Ente ospitante deve obbligatoriamente essere accreditato dall’Ordine degli Psicologi di Regione Lombardia (VEDI FAQ OPL), pena l’impossibilità di stipulare la Convenzione con l’Ateneo (fino all’ottenimento dello stesso accredito)
  • l’Ente ospitante deve richiedere la Convenzione per tirocini professionalizzanti tramite il portale stage e, una volta sottoscritta ed espletati gli ulteriori passaggi (vedi Dettaglio procedura ente), caricare il Progetto formativo per il tirocinante
  • il laureato (di Bicocca o altra Università), per consentire all’Ente ospitante di caricare il progetto formativo, deve necessariamente procedere all'immatricolazione (vedi Dettaglio procedura  tirocinante) al semestre di tirocinio ("Corso Tirocinio Professionalizzante Psicologia Albo A" o "Corso Tirocinio Professionalizzante Psicologia Albo B") tramite il portale stage e al contestuale pagamento della tassa di iscrizione richiesta dall'Ateneo

 

  1. SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (D.lgs 81/08): in base alle nuove disposizioni la formazione obbligatoria generale e quella specifica sono a carico del soggetto ospitante il tirocinio. L'Ateneo mette comunque a disposizione dei suoi tirocinanti l'accesso, tramite la piattaforma e-learning, al corso di formazione generale con rilascio del relativo attestato. Si ricorda che il suddetto attestato è valido indipendentemente dalla data di conseguimento pertanto, qualora il tirocinante ne fosse già in possesso, sarà sua cura presentarlo al soggetto ospitante.

a cura di Stage, ultimo aggiornamento il 27/05/2021